motori.sportrentino.it
SporTrentino.it
Pista

Al via l'avventura di Egon Pedrotti nell'Academy del kart

Prenderà il via domani, mercoledì 27 marzo, all’autodromo di Cremona la prima edizione di «Champions of the Future Academy», un mini campionato di kart comprendente sei diverse gare, costruito per dare l’opportunità alle giovanissime leve dell’automobilismo di mettersi in mostra, anche e soprattutto i ragazzi che non hanno le risorse per entrare in questo mondo dalla porta principale.
Si tratta di una nuovo format supportato dal produttore leader nel settore, Kart Republic e Parolin, e dai produttori di motori, IAME e TM, nonché da Mercerdes AMG F1 e Williams F1, che sono sempre a caccia di nuovi talenti, e infine da F1 Academy di Susie Wolff, che ha come obbiettivo offrire un’occasione anche alle tante ragazze che si avvicinano a questo mondo.
Le gare devono essere affrontate con un telaio monomarca (Kart Republic per le categorie Junior e Senior, Parolin per la categoria mini), con un motore unico fornito dall’organizzatore (IAME per le categorie Junior e Senior, TM per la categoria mini) e con regolazioni di assetto limitate. In ciascuno dei sei appuntamenti, fissati a Cremona, Valencia, Franciacorta, Dubai, Al Ain e Abu Dhabi si svolgeranno due qualifiche, due serie di manche e due finali.

Se ci occupiamo di questo nuovo circuito di gare è perché al via c’è anche un ragazzo trentino del 2011, Egon Pedrotti, che ha iniziato ad avvicinarsi al mondo del kart per caso, all’età di 8 anni, provandone uno a noleggio e da quel giorno è scoppiata in lui una passione che non si è più fermata. Correre in kart è estremamente impegnativo economicamente e, nonostante le difficoltà, ha cercato di mandare avanti la propria carriera,benché molte volte abbia dovuto rinunciare a correre, perché era economicamente impossibile. Si è impegnato a trasmettere la sua passione anche tramite i canali social, Instagram e YouTube, non si è mai arreso e ha cercato di capitalizzare al meglio le (poche) occasioni che gli sono state date.

«Correre è la mia passione, - racconta - ci penso ogni momento della giornata e se potessi essere in pista ogni giorno come molti dei miei compagni lo farei. Ognuno ha possibilità diverse, occasioni diverse e dobbiamo fare fruttare al meglio quello che abbiamo. Ringrazio tutti quelli che credono in me e che mi hanno dato una mano in vari modi, grazie a chi mi ha supportato nei momenti di sconforto nei quali credevo che non avrei mai potuto competere con i più forti. Ringrazio Kart Republic e Dino Chiesa che mi hanno fatto capire che ancora più dell’esperienza conta la forza di volontà e che in fondo tutto è possibile».

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 1,141 sec.