SporTrentino.it
Rally

Daprà, Pellè e Longo a podio al Ciocco

Il 44° Rally del Ciocco e Valle del Serchio in provincia di Lucca, primo appuntamento del Campionato Italiano Rally, è stato dominato da Thierry Neuville e Martin Wydaghe su Hyundai i20 R5. Un rally su asfalto con lunghezza di 303 chilometri, dove 90 costituivano i dieci tratti cronometrati.

Ottima performance per il diciannovenne Roberto Daprà in Classe R2B con la Fiesta e navigato da Chiara Lombardi. Secondo assoluto in R2B. “Ottima gara, siamo soddisfatti. Pur avendo errato la scelta di gomme nel primo giro, siamo riusciti a risalire di tredici posizioni nell’assoluta ed abbiamo conquistato il primo posto under 25 di Classe. Inoltre siamo secondi tra le Due Ruote Motrici sempre di classe. Bottino pieno, quindi. Bene la macchina con qualche modifica all’assistenza. Siamo partiti cauti all’inizio perché il fondo era molto scivoloso. Poi un passo costante. Felice d’essere migliorato rispetto allo scorso anno ed un grazie alla mia navigatrice”.

Fabio Farina, portacolori della Scuderia Pintarally Motorsport, con Luca Guglielmetti a dettare le note a bordo della Peugeot 208 è 4° in R2B. “Abbiamo sbagliato la scelta delle coperture e questo ci ha penalizzato moltissimo. D’altronde avevamo deciso di azzardare e abbiamo pagato l’errore. Comunque quarti di Classe, secondi tra gli under 25 e terzi tra le Due Ruote Motrici. È stata una gara impegnativa ed è stata tutta esperienza. Ora si gareggerà al Sanremo”.

Roberto Pellè, pilota della Scuderia Destra 4, con accanto Giulia Luraschi è tornato momentaneamente alla guida della Suzuki Swift 1600 aspirata e conquista l’argento in Classe Ra5N (ex R1). “Già, al volante della vettura spirata in attesa della nuova Suzuki Hybrid. No, non abbiamo fatto una bella gara, pur avendo guidato abbastanza bene. Mi soddisfa il secondo posto di classe, ma non l’ottavo del Trofeo Suzuki. Le nuove Hybrid dispongono di circa 190 cavalli e noi ne abbiamo 136. Lotta impari”.

Marco Longo è terzo con la Swift 1600. “Per noi il terzo gradino del podio. Una gara con fondo molto sporco e viscido. È andata bene, ma contro le nuove Suzuki Hybrid siamo decisamente penalizzati. Ora aspettiamo il Sanremo”. Da citare il navigatore trentino Alessio Angeli che ha dettato le note al pilota laziale Sulpizio in gara con la Fabia R5. Per loro il 28°posto assoluto.

Il podio assoluto
1° Neuville/Wydaeghe (Hyundai i20 R5), 2°Albertini/ Fappani (Skoda Fabia Evo) a 22”7, 3°Basso/Granai (Skoda Fabia Evo) a 31”4.

Autore
Maurizio Frassoni
© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,422 sec.