SporTrentino.it
Rally

Taddei 10° assoluto a Siena

Fantastico finale di stagione sugli sterrati senesi, con il ventenne boliviano Marco Bulacia ed il copilota argentino Marcelo Der Ohannesian che si sono aggiudicati la vittoria assoluta ed il Titolo Tricolore Terra nell’11° Tuscan Rewind, ultimo appuntamento del Campionato Italiano Rally e valido per il Cirt. Andrea Crugnola e Pietro Elia Ometto su Citroen C3 R5 sono Campioni Italiani Rally 2020 con la seconda posizione finale al volante della Citroen C3. Come detto, gara, quella senese, valida per il Campionato Italiano assoluto e in contemporanea per il Titolo Assoluto Terra. Start da Buonconvento in provincia di Siena per affrontare tre “piesse” su sterrato, Castiglion del Bosco, La Sesta e Torrenieri da ripetere tre volte. La lunghezza totale del rally era di 216 chilometri, dove 92,130 costituivano le nove speciali in programma.

Taddei 10° assoluto tra i big
Ottima performance di Alessandro Taddei con al fianco Andrea Gaspari ed in gara con la Hyundai R5 che si piazza al 10° posto assoluto. Lui, pilota che effettua una gara all’anno, s’è portato nelle zone alte della classifica senza alcun timore riverenziale nei confronti dei driver che hanno partecipato all’intera stagione. Da sottolineare che erano allo start ben 35 vetture R5.

Il commento del pilota di Borgo Valsugana
“L’ultima gara è stata proprio al Tuscan lo scorso anno. Speciali splendide che conosco. Purtroppo non abbiamo potuto effettuare un test pre gara e quindi siamo scesi dalla pedana di partenza con un assetto non performante. Lo abbiamo potuto modificare solo prima dell’ultimo giro e ci siamo divertiti nelle ultime tre speciali. Soddisfatti, siamo andati forte e non abbiamo commesso errori. Non solo, ma la Hyundai era perfetta per questo tracciato”.

Luciano Cobbe
A sessantasette anni ha la grinta di un ventenne
“Con la Skoda Fabia R5, occupiamo la 12ª posizione in questa splendida gara e chiudiamo la stagione terzi nel Tricolore Terra. Una grande soddisfazione, vedendo il numero di iscritti. Piloti forti, che gareggiano l’intera stagione. Ottimo risultato ed ogni tanto rileggo la mia carta d’identità e sono più che contento. Terzi in campionato ed abbiamo portato la Skoda al traguardo senza un graffio”.

I Nerobutto
Alessandro Nerobutto, navigato dalla cugina Francesca, è 4° tra le R2B con la Peugeot 208.
“Prima gara dell’anno e esordio con coperture Michelin. Tutto è filato al meglio considerando che era dal 2018 che non correvo sulla terra. Forse le prove più belle d’Italia su ghiaia. Prima dello start, avrei messo sicuramente una firma per un risultato così. Un quarto posto con ventisei partenti in Classe è una grande soddisfazione”.

Roberto Pellè
Il pilota della Scuderia Destra 4 con accanto Giulia Luraschi, ha ripreso in mano la Suzuki Swift 1600 dopo un anno.
“Ed è arrivato il primo posto tra le R1. Erano cinque anni che non gareggiavo su terra e posso dire d’aver fatto una corsa fantastica. Il Tuscan è difficile, veloce con sterrati splendidi. Non abbiamo sbagliato nulla e siamo passati dal settimo al terzo posto della classifica generale, vincendo quattro delle nove prove in programma”.

Autore
Maurizio Frassoni
© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,125 sec.