SporTrentino.it
Rally

Trentini protagonisti in Val d’Orcia

L’11° Rally della Val d’Orcia in provincia di Siena è dominato dall’equipaggio Papadimitriou – Harryman in gara con la Skoda Fabia R5. Primo dei trentini all’arrivo è Luciano Cobbe con identica vettura del vincitore, che si piazza al 7° posto assoluto. La gara era il terzo round del Raceday Rally Terra. Si è corso sugli sterrati senesi, già prove del Sanremo quand’era valido per il mondiale Rally, con partenza dalla cittadina di Radicofani per affrontare 3 prove speciali da ripetere due volte per un totale di 88 chilometri.

Il racconto di Cobbe
“Ottimo risultato e siamo contenti. Purtroppo abbiamo sofferto di un calo di potenza del propulsore nella parte centrale della gara. Lo abbiamo risolto e sull’ultima speciale abbiamo spinto al massimo. Una grande rimonta”.

Riccardo Rigo
Ottima gara di Riccardo Rigo affiancato da Alessio Angeli, dodicesimi assoluti, che conquistano il primo gradino del podio sia del Gruppo N sia della Classe N4 con la Mitsubishi Lancer. “Avevamo concluso il 2019 con una vittoria e ricominciamo con un altro primo gradino del podio. La gara? Una scelta errata di gomme nel primo giro, mentre poi tutto è filato alla perfezione e siamo saliti in vetta. Vittoria di Gruppo e di Classe. Fantastico per la gran lotta con gli avversari in una gara dove non puoi mollare un solo attimo”.

Il diciottenne Daprà
Roberto Daprà affiancato da Francesco Orian, ha un ottimo avvio di gara al volante della Fiesta nell’affollata Classe R2B. Poi chiude al 4° posto.
“Divertimento allo stato puro. Nel primo tratto cronometrato siamo andati a cannone, mentre a "Piancastagnaio", seconda speciale, abbiamo compreso esattamente i limiti della macchina su uno sterrato lungo e difficile con continui cambi di ritmo. Gara spettacolare con grandi traversi. Bene così”. Il diciottenne pilota di Roverè della Luna è solo al suo quinto rally in assoluto.

Primo gradino del podio per Soppa
Vittoria in N5 per Ezio Soppa con Mauro Marchiori al suo fianco, all’esordio in gara con la nuovissima Ford Fiesta N5. Ezio, un commento.
“È stata una gara test con una vettura appena arrivata dalla Spagna ed abbiamo sofferto di un sacco di problemi, come la polvere in macchina e la turbina che andava in auto protezione facendoci perdere una cinquantina di cavalli. La Fiesta ha un potenziale enorme ed ora fortunatamente abbiamo capito i problemi. Abbiamo vinto la Classe N5 e messo in tasca punti preziosi. La macchina? È una trazione integrale spinta da un motore turbo 1600 da 300cv. Il è cambio sequenziale a 6 rapporti”.

L’equipaggio della Scuderia Destra 4 Rainer – Moser, allo start con la Subaru Impreza, sale sul terzo gradino del podio in Classe N3, mentre Armando Betta e la navigatrice Serena Mattivi sono premiati quali vincitori in R1 col la Suzuki Swift.

Autore
Maurizio Frassoni
© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,516 sec.