z MOTORI - Merli, Bottura e Golin a Gubbio
Salita
mercoledì 21 agosto 2019
MOTORI
Merli, Bottura e Golin a Gubbio
di Maurizio Frassoni

Dopo il secondo posto a Saint Ursanne in Svizzera con l’Osella FA 30 Zytek LRM, dove è salito sul secondo gradino del podio ed ha conquistato la vittoria tra le monoposto, Christian Merli affronta il 54° Trofeo Fagioli in programma domenica a Gubbio, 9° appuntamento del Campionato Italiano Velocità in Montagna. Due manche di 4,156 chilometri con dislivello di 270 metri. IL portacolori del team Blue City Motorsport ha vinto a Morano ed Ascoli, mentre in Bondone a causa dell’improvviso spegnimento del motore è arrivato settimo in una giornata convulsa e caratterizzata dal maltempo. S’è scoperto poi che era solo un ingranaggio della pompa che non permetteva più di pescare bene olio e quindi il propulsore, trovando dei vuoti ai bassi regimi e nei tornanti destrosi andava in auto protezione spegnendosi.

La classifica del CIVM
Al comando Omar Magliona con l’Osella PA 2000 con 71,50 punti, seguito da Zardo al volante della Norma M20 FC con 64, mentre Faggioli è a quota 50. Poi Fattorini. Sempre Osella FA 30 con 47 punti e Merli a 44. Le uniche altre gare non concomitanti con l’Europeo sono la Coppa Nissena il 22 settembre e a Pedavena il 20 ottobre. Insomma, ad oggi sono in palio 60 punti.

Christian, perché a Gubbio?
“I giochi nel tricolore sono aperti e mi presento per fare il meglio. Non sarà facile, visto che Faggioli, dopo le modifiche al telaio ha mostrato tutto il suo potenziale vincendo la sua categoria nelle ultime tre gare in Europa. Mi piace la sfida e ci proviamo. Su questo tracciato, accorciato a tre chilometri, invece che i 4,156, ho vinto lo scorso anno il Master Fia”. Ci parla dell’evento umbro? “E' una manifestazione splendida. Oltre alla gara ci aspettano un pubblico fantastico inserito in una cornice meravigliosa. Il tracciato è molto caratteristico, non ti concede il minimo errore che ti porti sino all’arrivo, magari soltanto per qualche decimo. Quindi, cronoscalata molto veloce con curve di raggio molto lungo e tre tornanti nella parte finale”.

Adolfo Bottura
Allo start anche Adolfo Bottura con la sua Osella PA 9/90 del 1984. Il driver trentino punta al tris, dopo la splendida vittoria assoluta tra le storiche in Bondone ed a Rieti.

Filippo Golin
Iscritto anche il giovane e veloce Filippo Golin con l’Osella PA 21 JRB 1000, alla sua terza gara assoluta nelle cronoscalate

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,109 sec.

Inserire almeno 4 caratteri