Rally
martedì 11 dicembre 2018
MOTORI
Visintainer a podio nel Monza Rally Show Historique
di Maurizio Frassoni

Maurizio Visintainer, al volante della BMW M3, ha conquistato il 5° posto assoluto al recente Rally di Monza Historique. Non solo, ma il pilota di Cles che gareggia per la Maranello Corse, è terzo del suo Raggruppamento, AJ2, e s’è messo alle spalle Brusori con la Porsche 911, Zanin con la BMW M3, il pluricampione Lucky in gara con la Delta Integrale 16V, Lancia 037, Mazda.

Terzo gradino del podio con dedica
“Nel 2004 è venuto a mancare il mio grande amico Marco Sandri. Possedeva una BMW M3 analoga alla mia ed i suoi genitori m’hanno donato il motore. L’ho preparato e montato, nell’officina fondata da mio padre Angeloracing, sulla mia macchina di Gruppo A. Affronto le competizioni con suo il motore e per questo credo che la mia M3 abbia qualcosa di speciale. Marco corre sempre con noi, è nel mio cuore ed i risultati ottenuti li dedico sempre a lui. Sul motore ho messo una targhetta dove c’è scritto «In memoria di Marco». Ci manca”.

La carriera
“Nel 2001 ho acquistato la BMW M3 ed otto anni dopo ho deciso di trasformarla da stradale ad uso competizione per correre nel Gruppo A J2. Quindi ho iniziato a correre nel 2010 in gare di regolarità sport non competitive nel triveneto. Lo scorso anno è iniziata la mia avventura nei rally storici affiancato dal navigatore esperto Fiorenzo Zona di Modena ed abbiamo scelto di esordire proprio al Monza Rally Show, gara anomala per un rallysta, ma che ugualmente trasmette emozioni forti”.

Il 2018
“Abbiamo partecipato al Valsugana Historique Rally conquistano il 9° posto assoluto su cento iscritti. Alla Trento – Bondone abbiamo sofferto causa un guasto elettrico, mentre a settembre ho affrontato lo Slalom Val di Sole, dove sono salito sul gradino più alto del podio tra le storiche. Quindi al Rally Città di Modena. Secondo nel nostro raggruppamento e quinti assoluti”.

Monza Rally Show
“L’atmosfera di Monza è unica. Tanto pubblico, speciali come la Gran Prix, dove si parte un minuto uno dall’altro e dopo cinque giri è bagarre in pista. Poi s’affrontano le sopraelevate ed è adrenalina pura. Ci siamo piazzati al 5° posto assoluto davanti a vetture e piloti che hanno fatto la storia dei rally mondiali come Lancia 037, Porsche, Mazda RX7. È una gara molto particolare e tecnica che non permette errori. Le velocità di percorrenza sono molto elevate. Serve strategia per le gomme, l’assetto ed i rapporti del cambio. Ho avuto enorme aiuto da mio padre, mio fratello, non dimenticando Omar ed Andreas per l'assistenza, cambio gomme e regolazioni sulla vettura”.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,562 sec.

Inserire almeno 4 caratteri