Rally
lunedì 4 settembre 2017
MOTORI
Scatta venerdì il 37° Rallye di San Martino
di Maurizio Frassoni

Il 37° Rallye di San Martino di Castrozza e Primiero, 5° round del Campionato Italiano Rally WRC, si rinnova. La Scuderia San Martino Corse cambia la scenografia e mette sul piatto la novità assoluta dell’edizione 2017, ossia la nuova prova spettacolo che s’effettuerà nel centro del paese. Un tratto cronometrato di 2,970 chilometri che regalerà grandi emozioni ai tifosi. Venerdì sera, infatti, a partire dalle 20.10, i rallysti affronteranno la prima prova “San Martino” tra le vie del centro rasentando muri, cortili, chicane e due “curve del Tabaccaio”. San Martino, insomma, come a Montecarlo, dove gli appassionati potranno godere dello spettacolo in totale sicurezza dai balconi e dalle terrazze degli edifici o nelle zone messe in sicurezza. Dapprima scatteranno gli iscritti al rally storico ed a seguire le vetture moderne. Uno spettacolo garantito che supera sicuramente le tre ore.

Per chi proviene da sud sarà aperto il parcheggio del piazzale Tognola ed i bus navetta faranno spola con il centro, mentre per chi arriva dal Rolle parcheggia al piazzale Rosetta, vicino alla prova.

Si riprende sabato con start da San Martino alle otto. La carovana affronta il trasferimento verso il Passo Manghen passando dal Rolle. La prova è stata allungata di sei chilometri e la partenza è a Molina di Fiemme. Il concorrente numero 1, tra le vetture moderne, affronta la speciale che ha fatto la storia di questa corsa alle 9,41. In coda, dopo le vetture iscritte al Ci.WRC seguiranno gli equipaggi iscritti al Rally Storico. Quindi si prosegue per la 3ª speciale “Val Malene” di 26,46 chilometri con start del primo equipaggio alle 11,25. Tratto che sicuramente farà la differenza tra gli equipaggi in gara.

Il primo giro si conclude con la velocissima prova della “Gobbera” di 9,03 chilometri, quest’anno riproposta con la variante nel paese di Imer, che tanto spettacolo ha regalato nella scorsa edizione. Il via del primo equipaggio è alle 12,20. Si torna a San Martino per l’assistenza e si ripete il tracciato. Passo Manghen alle 15,05 per poi affrontare il secondo passaggio in “Val Malene” alle 16,45 ed infine l’ultimo tratto cronometrato, “Gobbera”, alle 17,40. L’arrivo a San Martino è stimato alle 18,45. I chilometri totali del rally sono 363,38, dove 117 costituiranno i sette tratti da affrontare cronometro alla mano. Insomma tutti si preparano al weekend più spettacolare dell’anno, con l’speciale d’apertura tra le vie del paese. Grande l’affluenza dei concorrenti. Sono ben 83 gli equipaggi iscritti alla corsa moderna valida quale quinta tappa del Campionato Italiano Wrc 2017, ai quali si aggiungono i 21 iscritti dell’Historique. Un bilancio totale di 104 concorrenti molto lusinghiero per il comitato organizzatore, in particolare tenendo conto del fatto che lo scudetto è già stato assegnato dopo quattro vittorie in quattro gare all’equipaggio Albertini – Fappani presenti al San Martino con la Fiesta WRC.

Christian Marin, presidente della San Martino Corse
“La Scuderia ha lavorato bene. Il prestigio e la tradizione del Rallye, nonché le splendide suggestioni dolomitiche del nostro territorio, funzionano ancora da calamita per tanti piloti e navigatori. Ringrazio tutti coloro che ci hanno dato un mano sinora e quanti si aggiungeranno nel fine settimana, volontari e addetti ai lavori uniti da una grande passione motoristica”. Nel dettaglio possiamo anticipare che tra le moderne sono iscritte 12 WRC, alle quali si aggiungono nove R5, sette Super 2000, 1 R4, due N4, sei Super 1600, cinque R3C, nove R2B, sei partenti in A7, quattro tra le N3, 2 in K10, due A6, una R1 Nazionale, 1 A5, quattro N2, nove R1B, 2 A0 e una in N1. Tra le Auto Storiche si preannuncia l’ennesimo duello tra Giorgio Costenaro su Lancia Stratos, Michael Stoschek al volante della Porsche e Lorenzo Delladio con la Porsche 911 SC.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,434 sec.

Inserire almeno 4 caratteri